IL DEBUTTO

 
Un ringraziamento particolare a BARRIE WILLS (direttore dello sviluppo dei prodotti e delle forniture fino ad aprile '82 e Delorean Ceo durante l'amministrazione cotrollata, da maggio '82 a febbraio '83),
che mi ha aiutato a scrivere la vera storia nei minimi particolari!
Il debutto sulle strade americane previsto per il 1978, avvenne invece nel 1981.
Il nome dell'auto era DMC-12, dove 12 sarebbe dovuto stare per 12.000 dollari, il prezzo che John De Lorean aveva previsto inizialmente.
Ma purtroppo per lui i costi lievitarono e la DMC-12 arrivò sul mercato con un prezzo di 25.000 dollari per la versione col cambio manuale, e 25.650 dollari per l'automatica.
L'auto aveva, di serie, la radio (Craig), il catalizzatore, il climatizzatore e gli specchi retrovisori, che erano a regolazione elettrica, così come i piccoli finestrini laterali.
Dato che veniva venduta per il mercato americano, oltre al cambio a 5 marce, era disponibile un automatico a tre rapporti. L'interno era lussuoso con i sedili rivestiti in pelle a scelta nera o grigia.


Al salone di Ginevra 1981

Il debutto

Le prime auto che arrivarono negli USA, avevano diversi problemi, infatti dovettero sostituire l' alternatore che era troppo debole, sistemare l' assemblaggio dei pannelli d'acciaio e degli attacchi degli sportelli.
Il costo delle riparazioni per alcune vetture arrivava fino a 2.500 dollari, e i clienti protestarono con i venditori perchè su tutti i modelli venduti nell'81 non esisteva alcun tipo di garanzia.
Anche se nel 1982 le De Lorean venivano vendute con una garanzia di cinque anni o 50.000 miglia, molti venditori non ricevettero lo stesso il pagamento delle riparazioni.
La De lorean richiamò alcune vetture a causa di un dado che poteva creare problemi al sistema delle sospensioni anteriori, ed anche per correggere il drenaggio dell'acqua, che gelando d'inverno, poteva bloccare il cavo della valvola a farfalla.
 
Come se non bastasse anche la NHTSA (National Highway Safety administration), un organo di controllo sulla sicurezza dei veicoli, fece un richiamo alla DMC-12, (sia per il modello dell'81, sia per quello dell'82), a causa della pompa della benzina, che non bloccava l' afflusso del carburante al motore, in caso d'incidente.
Le prestazioni inoltre, non erano all'altezza delle aspettative; il numero scarso di cavalli (solo 137), e la carrozzeria abbastanza pesante (1290kg) non favorivano un buon rapporto peso/potenza.
La rivista americana "Car and Driver", fece un test su un circuito, in cui paragonava, la De Lorean DMC-12, la Ferrari 308 GTS, la Chevrolet Corvette, la Porsche 911 SC e la Datsun 280ZX turbo.

John Delorean davanti allo stabilimento

Il debutto

 
Ovviamente La DMC-12 usciva sconfitta sia in accelerazione (solo 9,5 secondi), che in velocità massima, 120mph (circa 193km/h). Rimane un mistero come uno dei migliori manager di allora, grande intenditore e apppasssionato di auto sportive come John De Lorean, abbia potuto scegliere un motore del genere, con solo 137cv!
 

Rivista Car and Driver (Dicembre 1981)

Il debutto


Scheda prestaioni auto

Il debutto

 
 
 
 
IL DEBUTTO