LE PORTIERE AD "ALA DI GABBIANO"

La scelta di andare a Torino da Giorgetto Giugiaro per il design della sua vettura è stata sicuramente l' idea migliore di John De Lorean.
Secondo me (e non solo), Giugiaro è il più grande designer di automobili di tutti i tempi, e anche De Lorean lo sapeva, per questo andò direttamente dal migliore.
La sua scelta di utilizzare gli sportelli ad "ala di gabbiano" (che lui definiva "sexy"!), è sicuramente affascinante.
Per facilitarne l'apertura, oltre ai pistoncini idraulici, c'è una barra di torsione della Grumman.
Giugiaro e altri grandi designer automobilistici, hanno progettato diverse vetture con questo tipo di portiere, ma per la maggior parte sono rimasti solo dei prototipi; un po' perchè costava di più metterle in produzione, e un po' perchè in caso di ribaltamento della vettura, non esistevano dei sistemi di sicurezza per poter uscire dall' abitacolo.

Foto depliant DeLorean DMC-12

Le portiere ad "ali di gabbiano"

 

Mercedes SL del 1954

Le portiere ad "ali di gabbiano"

In realtà i prototipi di oggi sono molto più sicuri di quelli di vent'anni fa, ma le norme europee e americane in fatto di sicurezza, sono molto rigide.
L' auto più famosa in assoluto nel Mondo ad avere gli sportelli ad "ala di gabbiano" è la Mercedes 300 SL degli anni 50.
Il suo telaio multitubolare leggero, aveva un grande inconveniente: impediva l'installazione delle portiere di tipo normale; fu così che si pensò di dotare questo tipo di portiere apribili verso l'alto.
Oggi è una delle automobili d'epoca più ricercate dai collezionisti.
 
Inutile dire che questi sportelli hanno un fascino tutto particolare, e per De Lorean creare la sua auto con questa caratteristica era fondamentale per renderla avveniristica agli occhi dei clienti.
Qualche anno prima di lui ci fu Malcolm Bricklin che creò un'auto con le ali di gabbiano, ma anche la sua avventura durò lo spazio di un paio d'anni prima di fallire. La sua SV-1 uscì nel 1974 e chiuse i battenti nel 1975! Era un coupe 2 posti con motore anteriore, trazione posteriore e scocca in vetroresina.
Aveva una linea sportiva molto simile a una Datsun nel posteriore, e ad una Corvette nel profilo.


Bricklin SV-1 del 1974

Le portiere ad "ali di gabbiano"

 


L'auto del comandante Striker

Le portiere ad "ali di gabbiano"

Non ci dimentichiamo che, anche in un famoso telefilm di fantascienza che uscì nel 1969 (U.F.O.), apparivano auto con questo tipo di portiere. La famosa auto del comandante Straker (nella foto sotto), venne realizzata apposta per la serie televisiva, ambientata nel futuro (il 1980!).
La carrozzeria era di allumminio e venne montata sopra il telaio di una Ford Mark 4 Zodiac.
Secondo la fantasia degli sceneggiatori nel 1980 avremmo dovuto guidare auto a turbina e con le portiere ad "ala di gabbiano".
Considerando il fatto che proprio agli inizi degli anni 80 uscirono i primi motori turbo e che la De Lorean con le sue "ali" sarebbe uscita nel 1981, non si sbagliarono poi di molto.
Da notare (nella foto a sinistra), lo sportello che si apre verso l'alto, aiutato da una specie di grossa antenna a telescopio, e non da un pistoncino idraulico come quello che usava la DMC-12, o la Mercedes SL 300 del '54.
 
LE PORTIERE AD "ALA DI GABBIANO"